Agenzia immobiliare Firenze, vendita immobili firenze, Acquisto case a firenze, Affitto appartamenti

Affidati alla professionalità di TT&Partners, la tua Agenzia di Fiducia!

News

TT Partners Immobiliare

Pene più severe per i mediatori immobiliari abusivi

Inasprimento delle sanzioni per chi svolge abusivamente la mediazione immobiliare. Sarà questo l'effetto delle modifiche normative - la cui entrata in vigore è fissata per il prossimo 15 febbraio - che, con un deciso giro di vite, puntano ad arginare l'abusivismo tra gli operatori del real estate, funzionando da deterrente per chi esercita la professione di agente immobiliare senza essere in possesso dell'abilitazione.

Il tema è particolarmente rilevante per il settore immobiliare, vista l'ampia diffusione del fenomeno dell'abusivismo. Secondo le stime rese note dal centro studi Fiaip, infatti, il totale delle provvigioni percepite indebitamente dagli agenti “irregolari”, ogni anno, sarebbe pari a 750 milioni di euro.
Le nuove norme - introdotte dalla legge numero 3 dell'11 gennaio 2018 (che si occupa principalmente di riordino delle professioni sanitarie), pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 31 gennaio scorso - modificano il regime sanzionatorio per gli “abusivi” in due modi: facendo scattare il regime penale (previsto dall'articolo 348 del Codice Penale), già a partire dalla seconda infrazione per esercizio abusivo della professione (e non alla terza, come accade adesso) e incrementando le stesse sanzioni previste per gli abusivi (attraverso la modifica del suddetto articolo).

Nello specifico, la legge 3/2018 (articolo 12) modifica il Codice Penale e rende più pesanti le sanzioni per l'attività professionale svolta abusivamente previste dall'articolo 348: chiunque eserciti una professione senza esserne abilitato - recita la nuova versione del testo - è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 10mila a 50mila euro. Un inasprimento che interviene soprattutto sul versante “economico”, quello più efficace (vista la sospensione condizionale della pena per la reclusione) per inibire i comportamenti illeciti: basti pensare che, secondo le norme tuttora in vigore, la multa per gli abusivi varia da 103 a 516 euro (mentre la pena della reclusione arriva a un massimo di sei mesi). Prevista inoltre la confisca delle “cose” - nel caso specifico, tra l'altro, degli immobili dove si svolge l'attività abusiva - “che servirono o furono destinate a commettere il reato”.

La stretta per gli abusivi si realizza anche attraverso le modifiche introdotte (sempre dalla legge 3/2018) alla stessa disciplina della professione di agente immobiliare. Si tratta della legge 39/1989, il cui articolo 8 riguarda il regime sanzionatorio per chi svolge l'attività di mediazione senza essere iscritto nel ruolo e prevede per gli abusivi (al comma 1) una sanzione amministrativa tra 7.500 e 15.000 euro e la restituzione delle provvigioni percepite; mentre rimanda alle sanzioni del Codice Penale (il suddetto articolo 348) solo alla terza infrazione per svolgimento abusivo della professione. Dal prossimo 15 febbraio, invece, i recidivi “cadranno” nel penale (con sanzioni più severe) già alla seconda infrazione.

L'inasprimento contro l'abusivismo è stato accolto con soddisfazione dal mondo associativo degli agenti immobiliari. “Si tratta di un risultato importante, inseguito dalla nostra associazione da lungo tempo e arrivato dopo sette anni di battaglie parlamentari - afferma Gian Battista Baccarini, presidente nazionale Fiaip -: la piaga dell'abusivismo professionale, infatti, è la causa principale delle truffe che avvengono nel campo immobiliare”. Il segnale più forte che passa con la nuova normativa, sottolinea Baccarini, “è che svolgere l'attività professionale senza essere regolarmente iscritti al Rea comporterà conseguenze sempre più gravi: gli abusivi avranno una sola possibilità e, dopo essere incorsi nella prima sanzione amministrativa, rischieranno subito - se persistono nella condotta illecita - di subire gli aggravi penali previsti dalla modifica del Codice”.

 

Ristrutturazioni, trasformare una casa in pietra in uno spazio «industrial style»

Combinare diversi stili in modo equilibrato è gradevole è una delle cose più difficili quando si ristruttura casa, soprattutto quando si ha necessità di realizzare un ambiente moderno in una struttura più tradizionale, come uno delle tante ville o casali in pietra che si trovano di frequente nella campagna italiana.
Ne è un esempio un immobile fiorentino del 14esimo secolo di proprietà di un giovane che ha voluto realizzarci un’abitazione confortevole e dallo stile contemporaneo in cui trasferirsi. Per la parte della progettazione si è rivolto a GoPillar, il marketplace online dedicato alla progettazione architettonica e all’interior design, attraverso il quale ha potuto scegliere tra tante proposte di architetti di tutto il mondo il progetto migliore per le proprie esigenze da realizzare.

Il progetto risultato vincente è quello di Luca De Simone che ha cercato di preservare il più possibile la struttura esistente per valorizzare gli elementi architettonici di pregio e minimizzare i costi degli interventi di ristrutturazione. È stata prevista la realizzazione di un open space con cucina incassata che può essere celata all’occorrenza con ante a filo muro senza maniglie. L’ambiente risulta moderno e dotato di tutti i comfort, le nicchie esistenti sono state usate per installare accessori come l’impianto stereo e il proiettore home cinema, o la cantinetta refrigerata per i vini. Frequenti sono gli elementi stile industrial ben inseriti e mescolati con la struttura preesistente, come la cappa di metallo nero incastonata in una porzione di muratura in pietra lasciato a vista.

Il secondo posto se l’è aggiudicato l’architetto Annie Yakimova che ha rivestito l’intero open space del piano inferiore con intonaco bianco e strutture in metallo nero, che hanno la doppia funzione di elemento di decoro stile industriale e di elemento portante per l’ampliamento del soppalco sovrastante, lasciando scoperta l’intera parete in pietra dietro alla cucina come richiamo alla storia e all’architettura originale della struttura. La scelta del bianco delle pareti è funzionale, oltre che a creare un ambiente moderno e cittadino, anche a amplificare al massimo la luce naturale che passa dalle poche finestre esistenti. Anche il piano superiore è stato pensato come unico grande ambiente che racchiude più funzioni, la zona letto, la zona studio, la zona relax, divise tra di loro da una parete bassa di cartongesso che funge anche da testata del letto.

Interessante è anche la proposta del designer Paola Mori che propone di recuperare un po’ di spazio per gli ambienti abitabili cambiando la scala interna in pietra con una scala a chiocciola a struttura autoportante che ingombra la minima quantità di spazio possibile. Questo permette di avere più spazio nella zona living da dedicare soprattutto a mobili e armadi dedicati allo storage di oggetti, ma soprattutto di creare al piano di sopra una zona notte molto più spaziosa e vivibile. Qui lo spazio è organizzato come la suite di un albergo, non completamente aperto grazie alla creazione di una piccola cabina armadio centrale in cartongesso. La maggiore privacy data dalla suddivisione-schermo permette anche di trasformare all'occorrenza la zona studio in una camera degli ospiti abbastanza riservata, grazie al posizionamento di un divano letto. Qui è maggiormente visibile la presenza dell'architettura del ‘300 grazie alla conservazione integrale delle voltine in mattoni con travi di legno a supporto tipiche di questa regione.

 

T&T Partners Immobiliare è specializzata per tutte le soluzioni immobiliari, dalla vendita e affitto di bilocali e trilocali, ad appartamenti in centro storico a Firenze, immobili di prestigio e ville di lusso.

Maggiori Informazioni

TT Partners
Via Carducci, 63/r - 50121 - Firenze (FI)
TEL: 055 26 39 558 - FAX: 055 26 39 558
Email: info@ttpartnersimmobiliare.com


(*) I campi contrassegnati con un asterisco sono obbligatori

Nome *

Telefono *

E-Mail *

Inserisci qui la tua richiesta

Ho letto ed accetto le condizioni sulla Privacy*





News

Pene più severe per i mediatori immobiliari abusivi

Inasprimento delle sanzioni per chi svolge abusivamente la mediazione immobiliare. Sarà questo l'effetto delle modifiche normative - la cui entrata in vigore è fissata p ......

 

Dettaglio

Ristrutturazioni, trasformare una casa in pietra in uno spazio «industrial style»

Combinare diversi stili in modo equilibrato è gradevole è una delle cose più difficili quando si ristruttura casa, soprattutto quando si ha necessità ......

 

Dettaglio

tt partners immobiliare firenze